mercoledì 27 maggio 2009

VIENI A BALLARE ...
Critiche , boicottaggi , denunce e accuse di vilipendio al turismo di massa. Questo ed altro ancora suscitò l’uscita del brano” Vieni a Ballare in Puglia” di Caparezza, il
Grillo del hip-pop nostrano.
Ma meritava tanto clamore?
In fondo a lui non può che aver giovato tanta pubblicità!!!
E’ o non è la Regione Puglia in prima linea per la lotta a fenomeni come quelli citati nella canzone? ( avendo essa emanato leggi per mettere chiarezza nel mondo del lavoro nero?)
Il fatto inoltre, vedete, è che proprio all'inizio dell'anno ( credo in Gennaio ) viene edito dalla collana- Strade Blu della Mondadori, un libro- Uomini e Caporali di A. Leogrande- che in maniera dettagliata, racconta di un mondo di schiavi. Si avete capito bene : SCHIAVI.
A due passi da casa nostra, in terra di Capitanata .
Una sorta di girone infernale in cui proprietari terrieri assoldano caporali stranieri che a loro volta procacciano merce umana. E questo si verificava sotto gli occhi di tutti!!!
Chi non ha mai osservato i visi provati dalla fatica e dalla fame, dalla solitudine e dalla impotenza , dalla privazione della libertà e dalla rassegnazione, di quelle persone intente a raccogliere e a caricare casse e casse di pomodori sotto il sole cocente di Puglia ???
Bene di tutto questo vi racconta il libro, un reportage che parte dagli anni ’20 ( tempo in cui anche suo nonno era proprietario terriero ) per arrivare ai ns. tempi; il libro si apre sui versi di Matteo Salvatore- grande cantore della civiltà contadina in Capitanata- civiltà contadina scomparsa e raccontata anche da Carlo Levi.
Di questo mondo, che sommerso passa tristemente inosservato, parla il libro.
Mi chiedo allora se davvero ci fosse la necessità di additare Caparezza in quanto reo di aver citato nella sua canzone una parte, una piccolissima parte di quel mondo descritto nelle 254 pagg. del libro sopraccitato.
Vieni a ballare compare nei campi di pomodori dove la mafia schiavizza e se ti ribelli vai fuori…..
Giamp

1 commento:

ant ha detto...

*****